Page tree
Skip to end of metadata
Go to start of metadata

Introduzione

Questa pagina riporta la procedura per effettuare l'importazione di un brevetto dalla banca dati EPO in IRIS.

Al momento si utilizza il servizio REST fornito da EPO. Questo servizio web, passando come parametro il Numero di Deposito di un brevetto, restituisce tutti i dati relativi al brevetto.

La procedura di IRIS per l'importazione in seguito utilizza un altro servizio web di EPO per andare a ricavare tutti i brevetti che sono della stessa famiglia del brevetto di partenza.

Per "famiglia di brevetti" si intendono tutte le domande di brevetto e/o i brevetti concessi che corrispondono ad una singola invenzione e coprono differenti regioni geografiche.

Una volta che sarà finita la procedura di importazione, sarà poi possibile visualizzare l'intera famiglia ed il suo collegamento alla Invenzione dal tab "Invenzioni e Famiglia" nella pagina di modifica del brevetto in IRIS.

Validazioni

Non è possibile importare un brevetto che è già presente su IRIS ma, nel caso in cui durante il recupero della famiglia vengano ricavati brevetti che sono già presenti su IRIS, questi ultimi verranno aggiornati con le ultime informazioni ricevute da EPO.

Per creare un nuovo brevetto, è necessario inserire nel campo apposito la Invenzione a cui è collegato il brevetto.


Come cercare e importare un brevetto da EPO in IRIS

Innanzitutto si parte dal sito web di EPO https://worldwide.espacenet.com/patent/.

(E' presente anche il sito italiano https://it.espacenet.com/?locale=it_IT , contenente solo e solamente i brevetti italiani, non considerato in questa documentazione)

Effettuare la ricerca che si desidera tramite la barra apposita

E' possibile inserire come termini di ricerca quel che si vuole, ciò include sia direttamente il numero di deposito, sia un argomento specifico, sia l'Ateneo.

Di default il testo che verrà immesso nella barra di ricerca verrà cercato in ogni campo possibile, è comunque possibile utilizzare la funzionalità "Advanced Seach"(Ricerca avanzata) per effettuare dei filtri più fini sui vari campi.


Effettuata la ricerca con i termini desiderati, dovreste trovarvi davanti ad una pagina simile, con i vari risultati sulla sinistra.

Scrollando la pagina verso il basso, sarà possibile visualizzare gli ulteriori risultati.



Una volta trovato il brevetto desiderato, cliccateci sopra, facendo comparire sulla destra la scheda con le varie informazioni


A questo punto restate sulla scheda "Bibliographic data" (Dati bibliografici) e scorrete fino a quando trovate il dato "Application", in quanto è il dato necessario per essere importato in IRIS.

Non tutto il dato Application è richiesto, solo il codice identificativo privo del Kind Code (A, B eccetera finali).

Il codice per essere considerato valido da EPO è formato da 3 campi

  • paese di deposito (due lettere), obbligatorio
  • anno di deposito, opzionale
  • codice del documento, obbligatorio

Esempio: EP06425772


ATTENZIONE: E' possibile che il codice visualizzato sia diverso dallo standard e che quindi ci sia bisogno di modificarlo prima che sia possibile utilizzarlo per effettuare l'importazione.

In particolare il codice identificativo avrà una struttura di questo tipo:

  • paese di deposito (due lettere)
  • codice del documento (due lettere)
  • anno di deposito
  • codice del documento

In pratica avremo i 3 campi di prima spezzettati e dovremo opportunatamente "ricostruirli"

Esempio: 

In questo caso il codice presentato non segue il solito standard ed è necessario effettuare diversi passaggi:

  1. Eliminare la data finale => ITTO20110549A
  2. Eliminare il kind number => ITTO20110549
    A questo punto il nostro identificativo sarà formato dai 3 campi spezzettati IT+TO+2011+0549
  3. Ri-assemblare correttamente assieme i campi, spostando le due lettere del codice del documento all'inizio del secondo 
    IT+TO+2011+0549 => IT+2011+TO+0549

A questo punto il codice IT2011TO0549 è pronto per essere inserito in IRIS.

ATTENZIONE: E' probabile che comunque non si riesca ad importare il brevetto e venga presentato il messaggio "Non e' stato possibile trovare il brevetto su banca dati EPO. Verificare l'identificativo utilizzato (EPODOC)" in quanto il servizio EPO non è riuscito per qualche motivo a trovare il brevetto desiderato.

In questo caso una possibile soluzione è ricavarlo utilizzando un altro brevetto ma della stessa famiglia: questo perché, come accennato all'inizio di questa guida, quando viene effettuato il recupero dei metadati da EPO, non viene acquisito solo il singolo brevetto, ma anche tutti quelli della stessa famiglia.


Esempio: Si tenta di importare un brevetto come in figura, effettuando le modifiche al codice identificativo così come spiegato precedentemente

Ma nonostante questo il servizio EPO non risponde correttamente, segnalando che non riesce a trovare il brevetto.

Però, come mostrato in figura, questo brevetto ha la fortuna di essere stato pubblicato anche in altre lingue e paesi e quindi possiede una "famiglia" di brevetti che descrivono lo stesso brevetto.

Andando a cliccare su uno di questi (per esempio quello sottolineato in rosso), comparirà la pagina relativa a quel brevetto, con un nuovo Application da utilizzare per ritentare l'import da EPO


NOTA: La procedura di import di IRIS è in grado di ricavare un numero di deposito conforme allo standard EPO a partire dall'application number che è presente sulla scheda EPO









  • No labels