Skip to end of metadata
Go to start of metadata

Novità della BI con ODS spiegate nel Webinar pubblico di Ferrario del 21 luglio 2016 (registrazione e slide nell'area pubblica Video Tutorial e Webinar)

 

Sono state realizzate nuove procedure che prendono i dati dall’archivio delle pubblicazioni e da RM (anche da ER per gli indicatori bibliometrici). I dati vengono portati in nuove tabelle dell’ODS di IRIS.

L'ODS mostra lo strato L0 e lo strato L1. Il primo è tecnico e serve per portare i dati e farne successive elaborazioni, il risultato delle quali è salvato in L1. L1 consente di fare ulteriori elaborazioni extra-IRIS. L’ODS è esposto su IE (schema di frontiera con l'ateneo).

Esistevano tabelle ad hoc per esporre nella reportistica. Abbiamo adattato la parte di reportistica affinché si appoggiasse direttamente sull’ODS, per avere un unico set di procedure e perché due serie di procedure potevano portare a discrepanze.

 

Ci soffermiamo sull’interfaccia di reportistica, ma esiste anche uno star schema OLAP (tabelle pivot) che produce un’interfaccia di analisi. È stato rilasciato l’appoggio all’ODS anche per la parte analisi. Verranno aggiunte nuove dimensioni di analisi, ma il sistema si presenterà identico a come è adesso.

 

Fino a poco tempo fa l’aggiornamento della BI avveniva ogni 24 ore. Abbiamo raggiunto un miglioramento nei tempi di aggiornamento, che adesso viene fatto ogni 3 ore, dalle 7 di mattina alle 21 di sera, perché di notte ci sono altre attività notturne per cui è meglio non caricare ulteriormente le macchine.

Cambia la logica di navigazione delle statistiche e si semplifica, essendo più rapida e intuitiva. Si parte dall’oggetto che si desidera analizzare (persone, pubblicazioni, progetti) e non più da una logica di incrocio dell’oggetto con colui che ha prodotto l’oggetto stesso.

Sono state aggiunte anche le informazioni di invio a Sito Docente.

Si è introdotta una nuova vista sui dati, con la possibilità di scegliere tra dati in modifica e dati validati nella costruzione dei report.

Sono stati predisposti nuovi filtri (che, a scelta dell'ateneo, possono essere resi visibili oppure no): facoltà, community, esito di invio a Sito Docente, stato di sincronizzazione con Sito Docente.

Per la demo è stata utilizzata l'installazione dell'Università di Bologna: cris.unibo.it

Il menu Reportistica e Analisi è cambiato: come esempio scegliamo i prodotti della ricerca e scegliamo la prima statistica dell’elenco pubblicazioni. Notiamo subito che nell'elenco delle colonne da estrarre ci sono molti metadati in più.

 

 

Filtro: tipologia di metadati da estrarre. Nella versione precedente venivano sempre considerati i dati più validati. Durante la VQR era emersa l'esigenza per alcuni atenei di effettuare estrazioni a partire dai dati modificati, anche se non ancora validati. Dalla tendina di questo primo filtro è ora possibile decidere se prendere i dati già validati oppure l’ultima versione “master” ossia i dati più freschi e aggiornati. Quando si parla di item in versione "più validata" si fa riferimento ai prodotti che più recentemente si trovano in stato definitivo oppure alla versione più revisionata.

Seconda tendina, anche questa non c’era prima (che era invece nel menu di sinistra): la modalità di incrocio con le afferenze dei contributor. È possibile quindi cambiare da qui la scelta dell’incrocio senza ripartire dall'inizio dal menu principale.

Tendina modalità di incrocio con le afferenze: può servire per scegliere di visualizzare solo le pubblicazioni in cui c’è almeno un autore che abbia un’afferenza in corso di validità (pubblicazioni “non orfane”).

 

 

Altri filtri sono relativi all'interazione con Sito Docente.

Ultimo filtro in fondo: la differenza tra submitter e contributor: chi ha caricato il dato può comparire fra gli autori, oppure si può scegliere di vedere solo le pubblicazioni in cui il submitter non è autore.

In questa nuova interfaccia è prevista configurabilità più avanzata. In generale sono presenti tutti i filtri, ma per esempio il filtro facoltà non è stato attivato per tutti ma solo per chi lo aveva richiesto. Se alcuni filtri sono disorientanti per qualche ateneo, allora Cineca può nasconderli dietro specifica richiesta effettuata tramite Customer Portal.

 

 

Per quanto riguarda la parte di conteggi ("indici sulle pubblicazioni"), valgono le stesse regole sulle prime tre tendine su tipi di metadati e incroci.

Sono stati aggiunti molti nuovi criteri di aggregazione sui dati.

 

 

OLAP. Dato che l’incrocio con l’afferenza non viene scelta a priori, allora è la prima domanda che viene fatta quando si sceglie di fare un cubo. Poi nelle pagine successive ci saranno un numero maggiore di dimensioni che si possono trascinare per fare drag and drop.

 

Visualizzazione dei dati della reportistica e contesti

E' possibile limitare i risultati ottenuti dalla reporstistica ai soli prodotti relativi alla'area di appartenenza di un utente. Per farlo l'utente desiderato dovà essere inserito nel team "Profilo di area ministeriale per AREA MIN. XX ". L'untente in questione dovà poi selezionare la visione Dipartimentale (dal meù che compare in alto) e procedere a effettuare le ricerche desiderate tramite gli strumenti di reportisitica.

Se un utetne non riesce a limitare i risultati della reportistica alla propria area ministeriale, occorre contattare il service desk di IRIS per richiedere di inserirlo nel team "Profilo di area ministeriale per AREA MIN. XX ".

 

Domande fatte durante il webinar:

È possibile salvare le query? Non c’è ancora questa possibilità ma è in agenda, perché il gruppo sviluppo la sta producendo in modo che coinvolga l’intera piattaforma e non solo la parte di Business Intelligence.

 

È possibile estrarre gli autori che in certi anni sono improduttivi, ossia NON hanno pubblicazioni? Sì, dal Menu Risorse: "R02 indici sul personale". Nelle Colonne da estrarre si deve scegliere "conteggio pubblicazioni". Per vedere chi ha zero pubblicazioni, si selezionano gli anni di interesse e si sceglie di raggruppare (nell'ultimo box in fondo) per cognome e nome, in modo da vedere chi nell'elenco prodotto compare con 0 pubblicazioni.

 

Numero dei metadati estraibili è aumentato molto: è possibile eliminarne alcuni? Sì, se le colonne da estrarre non sono di interesse si può fare richiesta di oscurare alcuni specifici metadati.

 

I campi personalizzati che l’ateneo ha costruito in autonomia nelle form ci sono fra le colonne da estrarre? No. Abbiamo cercato il massimo comune denominatore fra tutti gli atenei, ma non ci sono ancora i campi custom validi per un solo ateneo. È però possibile trovare i campi custom sulle tabelle di frontiera.

 

È possibile filtrare sul submitter? Per ora no, ma se è richiesto lo aggiungeremo.

 

C’è coerenza tra i cubi e la parte di estrazione? Sì.

 

Se volessi cercare pubblicazioni che non hanno alcun autore attualmente valido sarebbe fattibile? Sì, scegliendo “da 0 a 0” nel filtro “contributors: conteggio persone”.

 

Gli ODS sono accessibili a tutti? Sì, gli ODS sono sullo schema di frontiera IE accessibile da ogni ateneo. Cineca dà l’URI di Oracle per accedere, fa le opportune verifiche e assegna id e password. È fatto a partire da nuova richiesta su Customer Portal.

 

Campi relativi agli allegati sono presenti? Sì.

 

Alcune informazioni che si vedono nella demo non sono presenti in tutte le installazioni: è possibile perché alcune info aggiuntive vengono da RM che non tutti gli atenei hanno.

 

Questa interfaccia della demo è la più completa, perché è quella per gli amministratori. Il singolo ricercatore ha un numero inferiore di filtri che può utilizzare. È però possibile intervenire sulla parte di profilazione per aumentare il numero di filtri per il ricercatore (cambiando le autorizzazioni date al team).

 

Estrazione degli autori. Tra i metadati c’è anche “contributors: concatenazione delle persone con carriera attiva” oppure “contributors: concatenazione persone riconosciute”.

 

È possibile configurare un team diverso da helpdesk che deve vedere solo la BI e averne tutti i poteri? Sì.

 

Le etichette sono personalizzabili? Sì, dalla maschera di Gestione Etichette.

 

È possibile, se richiesto come nuovo requisito, creare la concatenazione delle keywords indipendentemente dalla lingua in cui sono scritte.

 

C’è la posizione dell’autore nella stringa autore? Sì: “contributor: ordine di riconoscimento”.

 

  • No labels